Se fosse una persona intelligente, saggia, determinata,  con una grande volontà di lavorare, con una passione, con la volontà di arrivare ai obiettivi….senza salire in un altro livello più elevato dovresti sapere che il mondo perderà QUALCOSA. Qualcosa di molto importante!

Non conoscerà un GRANDE UOMO. Non otterrà le NUOVE SOLUZIONI. Non otterrà un regalo che si chiama il TUO IMPEGNO. E’ un grande spreco quando qualcuno può andare avanti, ma non lo fa. E’ un grande peccato quando un “maestro” non vuole trovarsi davanti una sfida più grande, con gli “alluni” più forti. Quando un imprenditore non cerca i mercati alternativi, quando un campione locale non vuole provarsi con se stesso sul territorio più grande…Non conta la questione della vittoria, ma di poter provare CHI SEI davvero quando hai davanti qualcuno o qualcosa più forte e più grande di te. Soltanto facendo un confronto puoi sapere davvero chi sei e quali sono le tue capacità. Non esistono i GURU, ricordatelo, ognuno è un guru per se stesso ma nello stesso momento può imparare sempre da qualcuno che sa le cose meglio. In polacco è un brutto proverbio, ma è abbastanza significativo: “Meglio essere un re in una campagna oppure essere un campagnolo in una metropoli”? Quando sali in alto, ti trovi sempre al inizio di qualcosa di nuovo, sconosciuto… poi cresci, diventa un esperte, ma poi di nuovo ti aspetta una bella salita, e di nuovo sarai un “alluno” perdendo una posizione di essere un “re”. Se invece pensi di rimanere sul territorio “sicuro” e conosciuto, dove ti trovi nel tuo aggio (famosa zona del comfort), sappia che ti stai perdendo…stai limitando te stesso per la paura di una competizione dove davvero la vivi soltanto tu. Questo ha un significato molto chiaro: profondamente non credi in te se e hai la paura di un confronto con qualcun altro! Forse hai costruito un “personal branding” basato sulla illusione di te stesso e ti trovi bene solo quando tutti gli altri sono meno consapevoli…. Un altro proverbio polacco dice: “Quando tutti gli altri sono cechi, basta che il re ha soltanto un occhio”….

Importante che non ti lasci perdere dalle tue paure, importante che abbia una consapevolezza che la tua esistenza prevede qualcosa di buono per il mondo dove vivi. Essendo consapevole di un potenziale che si trova dentro di te, fallo offrire al mondo, fallo vedere non solo nelle dimensioni di un piccolo mondo, ma fallo vedere al pubblico molto più ampio. Se dovessi vivere anche le sconfitte, bene, non ti scoraggiare, prendi le lezioni positive è prova ancora come T. Edison!

Si narra che durante una conferenza stampa un giovane giornalista chiede a Thomas Edison:

“Dica, Mr. Edison, come si è sentito a fallire duemila volte nel fare una lampadina?”. Ebbene, la risposta di Edison fu:

Io non ho fallito duemila volte nel fare una lampadina, semplicemente ho trovato millenovecento-novantanove modi su come non va fatta una lampadina.

Questo è l’atteggiamento vincente. Questa frase te la dovresti stampare nella mente. Qualsiasi esperienza è utile nella vita se non la si considera un vero fallimento. Anzi, i fallimenti sono necessari se vuoi avere successo.

Il tuo vero successo e proporzionale alla misura della tua crescita personale. Quando hai il coraggio di imparare dagli altri, sappia che ti trovi in una bella strada di un’abbondanza,..ma non aspirare dal ego per superarli come un obiettivo finale per ottenere solo un applauso. Non sprecare te stesso, non restare nella zona dove il bordo ha dipinto la tua paura. Impara! Prova! Impara! Prova! e Impara e Prova! 🙂

 

una abbraccio a tutti! 🙂 lasciatemi per favore i vostri commenti, grazie!