Seleziona una pagina

Quando studiavo l’inconscio umano facendo il Master di Time Line Therapy® ho conosciuto il grande segreto del collegamento tra la mente umana e il corpo.  La psicosomatica.

Immagina una montagna di Iceberg, con la piccola parte visibile sopra la superficie del mare, e tutta la parte invisibile sotto il mare. Ecco, così siamo creati noi umani. La parte visibile rappresenta il tuo pensiero logico, invece la parte invisibile rappresenta la tua parte inconscia (mente umana). La parte inconscia gestisce il nostro corpo, grazie a quale puoi respirare,  digerire, dormire, sognare  ecc. Ma non solo, la parte inconscia, gestisce pure i tuoi pensieri, emozioni e reazioni. La parte inconscia è responsabile della tua vita, delle tue malattie o della tua salute. Ti protegge nel modo migliore come sa. Ed ecco ci siamo arrivati!. Il corpo umano senza la mente non funziona, è un corpo morto. Il tuo corpo è anche la mappa intelligente, dove  l’inconscio sposta i suoi disagi mentali da risolvere. E’ proprio così perchè ti ammali. La parte invisibile si manifesta sulla parte visibile, una con un’altra vivono in maniera inseparata, e coerente. Cioè il tuo corpo dovrebbe essere sempre sano nonostante alla vecchiaia, ma se invece è diverso, la tua mente ti sta facendo i segnali metaforici di quello che non va. La maggior parte di gente ha i problemi con la salute (mal di testa, mal di schiena, mal di stomaco, asma, dolori, tumori, ecc) perchè la maggior parte di gente è piena delle emozioni negative (quelle che proprio inventano le malattie) facendo debole il tuo corpo.

Parlando di acne da adulto…

La pelle rappresenta un bordo tra il tuo TE esterno e il tuo TE interno. Rappresenta il “contatto” o la “separazione” tra te e il resto del mondo (persone, situazioni). La faccia rappresenta la tua PERSONA (maschera) quella che vuoi fare vedere al mondo. L’acne rappresenta il conflitto interno, il cumulo delle emozioni negative come rabbia ma sopratutto un senso di colpa.

Vorrei condividere la mia storia di auto-guarigione da acne spostata sulla mia faccia, sopratutto sulla mandibola.

Dopo quando ho smesso di prendere le pillole  anticoncezionali la mia  faccia è andata nelle brutte condizioni. Ho fatto le visite dermatologiche ma la pelle non migliorava per niente dopo la cura standard adatta al problema. Tutto durava quasi due anni. In un certo momento ricevo una “illuminazione”, mi sento come un calzolaio che cammina senza scarpe. “Eureca! – grido. La mia acne sulla mandibola ha il suo significato come tutto!” Probabilmente il mio inconscio non lo volevo vedere….sicuramente aveva la sua ragione e mi voleva proteggere come lo fa sempre. Solo che in alcuni casi (prima di conoscere se stessi, succede nella maggior parte dei casi) l’inconscio lo fa come l’ha imparato quando avevi al massimo 6 anni!  Quando invece lavori su te stesso (quando cominci non lo smetterai mai più) le emozioni negative si trasformano nelle positive vivendo costante dentro di te, ma ti si possono presentare le situazioni al improvviso dove l’inconscio reagisce utilizzando il vecchi modello. Quando mi sono resa conto? C’era una situazione quando ero in vacanze. Mi sono arrabbiata con una ragazza (figlia di una padrona di casa) perchè quando siamo arrivato lei con il suo ragazzo occupavano la piscina e i pochi sdrai quelli che erano previsti a noi. Ha confermato che se ne vanno subito, invece sono passati là almeno un’altra ora mangiando, facendo il bagno ecc… Eravamo in quattro, ma loro occupavano due su quattro sdrai previsti a noi. In un certo momento “sono partita” dicendo “gentilmente” che forse non è il caso di occupare i nostri sdrai quando già siamo arrivati come gli ospiti in una casa d’affitto. Mentre gli parlavo, sentivo nello stesso momento un senso di colpa. Un mix di rabbia e di un senso di  colpa. “Potevo caxxo essere più gentile…perchè cosi mi è staccata la rabbia?, Daga, helloooo, che c’è? che cosa non va?” Ok, subito mi sono resa conto che quello che ancora ogni tanto mi fa scappare la rabbia è “ingiustizia”, ma cavolo, se Dio ci ha lasciato il libero arbitro chi sono io di limitare e giudicare gli altri! Non so perchè, ma mi viene la risposta: la mia acne sulla mandibola rappresenta il mio “Pittbul”, il punto più forte di questa razza di cane: la mandibola che morde!. Qui si concentra la mia rabbia…ma si nasconde sotto la mandibola…poi mi arriva un senso di colpa, perchè so benissimo che ho fatto una minchiata. La scoperta mi stupisce, sono un passo avanti. Faccio ancora delle domande: da che cosa mi protegge il mio inconscio? Al inizio non vuole che trovo al risposta, scappa dalle risposte superficiali, ma non mi soddisfa nessuna di loro…cerco ancora più profondo e ci arrivo! Questa è la sopravvivenza. Per la maggior parte della mia vita ero da sola. Nel senso, ero io ad essere responsabile della mia vita e delle mie scelte. Ho imparato che la vita è una giungla dove devi o combattere o scappare. Per andare avanti ho scelto inconsciamente di combattere. Fare le battaglie da “un eroe”, sempre tirando fuori le ingiustizie, probabilmente per essere “vista” dagli altro come una delle valide persone, quindi in poche parole non mi apprezzavo abbastanza. Non lo volevo sentire, questa voce dentro di me era come una doccia gelata. “Come mai? io che insegno gli altri, non mi apprezzo abbastanza?”. Sì, esattamente era cosi. Mi sento nuda. Potevo mentire tutti ma non potevo mentire me stessa. I sensi di colpa erano cosi forti che sapevo già che c’è qualcosa che non va dentro di me. Consapevolmente e volutamente decido di riprogrammare i miei pensieri, le emozioni e le mie azioni. Decido, che l’acne non la voglio più. Dopo un mese tutto è scomparso. E’ passato tanto tempo e i miei brufoli non mi sono venuti mai più. Oggi il mio rapporto interno con la rabbia che parte da “ingiustizia” è molto serena. Se mi capita di trovarmi in una certa situazione sorrido 🙂 Non devo fare il mestiere di un giudice per apprezzare me stessa 😉 Sto proprio bene, con una pelle liscia, sana, e io dentro tranquilla e piena di amore con me stessa 🙂

Questa esperienza è stata davvero forte, e anche incredibilmente bella. Mi ha confermato tutto ciò che sapevo già, ed ora ho un altro asso nella manica per poter aiutarti in maniera più efficace.

Con Amore,

Daga